TeslaFields


Mai desiderato sapere i campi magnetici che ti circondano? 


Oggi si fà un gran parlare della salute in relazione all'esposizione ai campi magnetici. 

Con questa splendida applicazione, in onore del mitico Tesla, 
si trasforma il proprio Iphone / Ipad in uno strumento semi professionale, con il quale si rende possibile la misurazione 
dell'intensità di campo elettromagnetico espressa in micro tesla e la generazione dello storico dei magnetics fields rilevati con avanzamento automatico. 

Inoltre sono state implementate due barre che indicano rispettivamente la prima l'intensità raggiunta da 1 a 2000 microtesla (limite al quale si dovrebbe evitare di rimanere esposti per molto tempo), 

la seconda l'intensità di campo da 1 a 10.000 microtesla (limite estremamente pericoloso a cui si dovrebbe evitare di esporsi), quest'ultima barra inoltre segna i picchi raggiunti, facilmente resettabili tramite il tasto R. 

Non lasciatevela sfuggire uno strumento da veri professionisti che non può mancare nel vostro IPhone / Ipad 

Versione 2.1 HD 
- Ottimizzata iOS 5.1 per iPad anche nuovo modello. 
- Nuova veste grafica, migliorata la lettura,localizzazione italiano delle indicazioni 
- Barre stile Light Emission Diode 
- Registrazione dei picchi 
- Limiti di pericolosità indicati nelle barre in rosso 

N.B. Tesla Fields HD misura tutti i tipi di campi magnetici che non equivalgono alle frequenze radio. L'emissione di una frequenza radio da parte di un antenna va misurata con un radio frequenzimetro. 


Essa usa il magnetometro integrato all’interno di iPhone, l’elemento fisico sul quale si basa l’app di sistema Bussola.

Tale sensore è in grado di rilevare i campi magnetici terrestri, misurando i campi elettromagnetici sui 3 piani dello spazio (X,Y e Z).

L’app Tesla Fields sfrutta questo sensore per ottenere dati da processare in tempo reale mediante algoritmi e scale di conversione. Ciò ci permette di risalire quindi all’intensità dei campi magnetici prodotti da oggetti di uso comune espressa in microTesla.

I valori ottenuti vengono poi disposti su una barra LED che ne indica la pericolosità per la salute umana sulla base delle linee guida approvate dal Ministero della Salute (2000 microTesla).

Sulla base di recenti studi svolti da alcuni ricercatori dell’Università di Pisa sembra però che una soglia di 500microTesla sia sufficiente per inibire un fenomeno di difesa estrema per il nostro organismo quale l’apoptosi cellulare. Questo sarebbe dovuto all’aumentata concentrazione di Ca++ citoplasmatico (ione Calcio libero all’interno della cellula).

Per chi fosse interessato a prenderne visione (anche se scritti in inglese e in medichese) questo è il link al lavoro. Chiudendo questa piccola parentesi, che sottolinea l’importanza di misurare l’entità dei campi magnetici che ci circondano, vi ricordo che l’app è compatibile con iPod touch, iPhone e iPad e può essere scaricata su App Store. N.B. Per rilevare correttamente i valori è necessario avvicinare quanto più possibile il proprio dispositivo alla fonte che si vuole saggiare perché il campo elettromagnetico decade col cubo della distanza. Questo stesso principio può essere applicato anche alla sua nocività in quanto anche gli effetti potenzialmente dannosi decadono col cubo della distanza.